Tribute band italiane: il gusto è suonare come una leggenda
di Paolo Gallori
Leggi l'articolo completo su repubblica.it

Rendere omaggio ai propri idoli è una passione. Riuscirci davvero bene è un'arte, che si sta espandendo anche nel Belpaese. Come dimostrano Killer Queen, The Moondogs, Nice Boys, Sticky Fingers, Achtung Babies, Big One Project, Easy Cure...

L'articolo che segue necessita di una doverosa premessa. Non si tratta di una mappatura enciclopedica delle band che nel nostro Paese rendono omaggio con la loro passione e la loro attività ai grandi della musica pop-rock. Per tracciare una fotografia italiana delle cover e tribute band in circolazione, sempre di più, ci vorrebbe un libro, destinato peraltro ad essere aggiornato anno dopo anno. Meglio, un annuario online. Quelli che seguono sono invece solo i profili di alcune formazioni che sin dal loro apparire si sono distinte per precise caratteristiche. Innanzitutto il portare su un palco la musica dei loro idoli rispettando lo "spartito", come per la classica, suonandola nota per nota possibilmente con la stessa strumentazione. E poi, il saper evocare l'immagine e le atmosfere dei live show originali, oppure incarnarne lo spirito senza eccedere in imitazioni estetiche. Uno sforzo apprezzato dai fan anche attraverso riconoscimenti ufficiali. Come i Musical Box, la band tributo dei Genesis di cui si parla nell'articolo portante di questo servizio. Le band selezionate sono qui citate a titolo di esempio. E ci perdoni chi dovesse sentirsi escluso.

BIG ONE PROJECT (The european Pink Floyd show)

Tra i tantissimi progetti ispirati ai Pink Floyd (raccolti addirittura in un portale, http://pinkfloydtribute. jimdo.com/italy/), piace citare i veronesi Big One, nati nel 1990 per iniziativa del chitarrista Elio Verga.Il repertorio attinge a tutta la produzione del gruppo inglese, dal periodo psichedelico dei primi anni 70 fino agli album più recenti, e ha come obiettivo la riproduzione il più fedele possibile di sonorità e arrangiamenti. Il gruppo è composto anche da Leonardo De Muzio (chitarra solista e canto), Claudio Pigarelli e Stefano Righetti (piano, hammond, synth), Paolo Iemmi (basso e canto), Stefano Raimondi (batteria e percussioni), special guest Debora Farina, Elisa Cipriani (cori), Marco Scotti (sax). Il progetto si avvale di una organizzazione manageriale e tecnica molto qualificata, portando il proprio show in ambientazioni perfettamente consonanti con l'immaginario dei Pink Floyd, dal Teatro Romano di Verona al Teatro Greco di Taormina, realizzando anche dvd su quei live distribuiti in Italia e all'estero. Come il doppio cd e dvd Live at Valle dei Templi registrato ad Agrigento nel 2006. O il dvd The Wall Anniversary registrato nel 2009 al Teatro Romano di Verona.

Sito ufficiale: http://www.bigoneproject.it/
Prossimi concerti:
21 agosto Teatro dei Ruderi - Cirella di Diamante (CS)
30 luglio Fortezza del Priamar - Savona
27 luglio Festa della birra - Solesino (PD)
26 luglio Porto - Torri Del Benaco (VR)


2016 © Big One | P. Iva 02652980232 | info@bigoneproject.it